“Mi dispiace di non essere venuto in terapia 10 anni fa”

Divorzio, perdita di qualcuno vicino per molti di questi eventi diventano traumatici. L’intera vita futura di una persona dipende da quanto sia dolorosa l’esperienza. Sfortunatamente, cerchiamo spesso di sfuggire al dolore e alla rabbia, al risentimento, al dolore che scaviamo da qualche parte nel profondo. La psicologa Anna Sokolova racconta come i sentimenti non detti portano a malattie psicosomatiche e depressione.

Ala mi ha chiamato e mi ha chiesto la consultazione. Si lamentava del vuoto e della depressione. Abbiamo concordato la riunione. Era una ragazza fragile di 30 anni con un viso infantile e grandi occhi. Sorrideva spesso. E anche per il recente divorzio ha iniziato a parlare con un sorriso: “Sì, abbiamo divorziato, ma non mi sentivo felice in matrimonio. Non capisco cosa mi sta succedendo. Alcuni stati oppressi. Dormo male. Non voglio niente, solo sdraiati, raggomitolato. Difficile”. Ho attirato l’attenzione sull’incoerenza del suo sorriso alla storia che era cattiva. “Ah, sto sempre sorridendo”, ha licenziato. “Solo un tale personaggio”.

In realtà, un sorriso è una difesa psicologica comune. Quando non vogliamo provare sentimenti dolorosi e mostrarli agli altri, facciamo un sorriso come una maschera. Tuttavia, in questo caso, perdiamo il contatto con noi stessi e i veri sentimenti. Quando ciò accade costantemente, il sorriso inizia ad essere percepito come un tratto caratteriale.

Alya non riusciva a ricordare quando iniziò la depressione. “Penso di essere sempre così. Soppresso e sorridente. Come un triste pagliaccio. Ma dopo il divorzio, tutto è peggiorato. Più acutamente o qualcosa del genere. Come se fossi orfano per la seconda volta “. Si è scoperto che quando Ale aveva 16 anni, ha perso entrambi i genitori in un incidente d’auto. La ragazza non ha collegato questa enorme perdita con lo stato attuale. “Era tanto tempo fa”.

Per l’inconscio, in cui sono immagazzinati sentimenti e ricordi soppiantati, la dimensione del tempo non è caratteristica. Non importa quando si è verificato l’evento che ha causato sentimenti forti, ieri o venti anni fa. Se improvvisamente spuntano in noi, possono ferire tanto quanto nel lontano passato.

Ale sembrava che si riprendesse rapidamente dalla perdita dei suoi genitori. Entrò nell’istituto, trovò lavoro la sera. “La vita era satura. Lezioni, feste, amici. Solo a volte mi sono sorpreso a pensare che tutto non ha nulla a che fare con me. Mi sentivo inanimato, vagando attraverso la nebbia grigia “, ha detto. “Ma poi di nuovo mi sono dimenticato in un turbine della vita studentesca”. E una volta ricordato: “Sembra che quasi non abbia pianto per la morte dei miei genitori”.

A volte la prima reazione di una persona che apprende la perdita di una persona cara è un intorpidimento. Shock del dolore. È impossibile muoversi, respirare e sentire. Solo più tardi, quando lo shock cade, il dolore della perdita supera. O no, se la perdita è troppo grande e la psiche non può percepirla. Quindi dentro una persona sembra essere congelato e non può più addolorare e piangere la perdita.

A 22 anni, ha sposato un uomo bellissimo più vecchio di lei. E nel primo anno tutto sembrava essere buono. Tuttavia, nel tempo, Alya iniziò sempre più a chiudersi e scegliere la solitudine. “Cosa ti è successo?” – Il marito era preoccupato. “Niente. Tutto è in ordine “, ha sempre risposto con un sorriso. La ragazza non poteva spiegare a se stessa cosa le stava accadendo. Sempre più ha provato apatia, depressione e insensatezza. Al mattino non volevo alzarmi dal letto. Niente soddisfatto. “Come se fossi schiacciato da una lastra di cemento, che divenne più difficile. Volevo piangere, ma non potevo.

In altre questioni, anche se avevo abbastanza arroganza per fiorire qualcosa del genere, sarebbe stata una mobilità capace di rispondere a destra della provocazione. Pertanto, ho deciso di provare e segreto o manifesto 12 segni rari che e sposato tutto come una ricerca giornalistica.

E con suo marito non poteva neanche condividerlo “.

Quando il marito ha parlato del bambino, ha lasciato l’argomento per la prima volta. Poi ha riso. Poi è rimasta in silenzio. E qualcosa di rotto tra di loro. Hanno divorziato. Dopodiché, Ala è venuta in terapia. All’inizio era difficile per lei parlare di se stessa e dei sentimenti. Quando ci ha provato, era chiaro che stava superando una grande resistenza interna. Ale aveva paura. Per tutta la vita ha cercato di scappare dai sentimenti, dal dolore, si nasconde dietro un sorriso, vai a capofitto o un mondo di fantasie. E poi è arrivato il momento in cui questa strategia ha smesso di funzionare. Evitare i sentimenti ha portato a devastazioni emotive, solitudine e depressione. Era necessario scegliere: rimanere in questo o decidere di incontrarti.

Lo stato generale e segretario generale delle Nazioni Unite Dag Hammarscheld una volta disse: “La vita da te richiede solo le forze che hai. E è possibile solo un’impresa – non fuggire “.

Latest Events

Latest News

  Itorero Inkuru Nziza Paroisse Cyabatanzi , Rikorera mu Karere ka Gasabo , Umurenge wa Rusororo , Akagali ka Gasagara , Mu gikorwa Ngarukamwaka cyo gutanga Mutuelle de sante ku bakristo ndetse n’abaturage badafite ubushobozi bwo kugura mutuelle de sante , Batanze mutuelle de sante ku abaturage magana atandatu (600) , Ni mu gikorwa kitabiriwe […]

It was with a great joy to celebrate the achievement of 157 Elder people who completed their one year literacy program in Inkurunziza church southern western

Announcement